0

Il Modernismo Nel Design

La scuola modernista ha avuto una grande influenza sulla storia del design….e continua a farlo anche oggi. Con i progressi della tecnologia, il Modernismo iniziò a svilupparsi alla fine del 19° secolo e l’inizio del 20° secolo in Europa e negli Stati Uniti d’America. Con esso, la società occidentale cominciò a sviluppare nuovi modi di plasmare la cultura umana e migliorare l’ambiente circostante. Il Modernismo fu applicato a molte discipline creative, dalla dal design all’architettura, dalla musica alla letteratura. Lo sviluppo e la potenza delle nuove macchine costrinse gli artisti a “ripensare” al loro modo di pensare e lavorare: i risultati furono così rivoluzionari che influenzano ancora oggi i designers! Questa nuova tecnologia fornì l’opportunità per la produzione di massa e la macchina stessa divenne un tema importante del modernismo. I designer più influenti dell’era modernista furono senza dubbio Walter Gropius, Bauhaus e l’architetto Le Corbusier, in quanto i loro lavori riflettono meglio di altri quella particolare tendenza.

“La Funzione Deve Sempre Dettare La Forma”

Il Modernismo è particolarmente ispirato alle Belle Arti, ed è probabilmente il movimento più influente del 20° secolo! Il suo detto più famoso è che “la funzione di un oggetto deve sempre dettare la sua forma“. In sostanza, secondo la teoria modernista, la bellezza di una cosa non deve mai dipendere da un’ornamento sovrapposto come un’aggiunta, ma derivare dalla forma stessa e dalle caratteristiche dell’oggetto. Questo è un concetto base su cui si sviluppa l’odierno design. Ad ogni modo, questo movimento è caratterizzato da differenze nazionali, legate soprattutto alle diverse culture e personalità artistiche: tuttavia, complessivamente, si possono rintracciare alcuni tratti comuni che lo rendono uno stile facilmente riconoscibile in un unico linguaggio espressivo. Insieme alle caratteristiche “locali” assume anche denominazioni differenti a seconda dei singoli paesi in cui si manifesta. In Italia viene chiamato Stile floreale o LibertyJugendstil in Germania, Modern Style in Gran Bretagna, Sezessionstil in Austria, Modernismo in Spagna; negli Stati Uniti è rappresentato dalla Scuola di Chicago e da Tiffany. Ovunque si diffonda, il movimento modernista persegue l’obiettivo di applicare un’arte nuova e gradevole a tutte le categorie della vita umana e sociale. Questa volontà di applicazione universale segue lo scopo principale di “abbellire e migliorare la vita” dell’uomo moderno, rendendola più funzionale, piacevole e serena.

Un bel manifesto che celebra l’uso della tipografia sans-serif e lo spazio bianco…..

locandina Kandinsky

L’Unité d’Habitation (Unità di abitazione) di Marsiglia, una progettazione edilizia residenziale sviluppato dall’architetto Le Corbusier….

Unité d'Habitation

Caratteri e Graphic Design

Il Modernismo ha soprattutto cambiato il processo del pensiero comunicativo, il graphic design e la tipografia. Infatti, prima che il concetto di Modernismo prese piede, il design e la tipografia erano eccessivamente decorative ed elaborate: un tempo, ogni possibile centimetro di un manifesto sarebbe stato riempito solo con immagini e caratteri. I designers dell’epoca del modernismo rispettavano il rigoroso sistema della “griglia”, strutturato con enfasi sullo spazio negativo e l’uso di un carattere sans-serif pulito. L’idea era di creare una grafica forte che andasse contro il consumismo, l’avidità e l’economicità! I caratteri tipici usati all’epoca del Modernismo includono il Franklin Gothic, Monotype Grotesque, Futura e Helvetica Neue.

Jan Tschichold realizzò questo manifesto per promuovere i principi fondamentali della Die Neue Typographie (La Nuova Tipografia modernista)……

tipografia jan tschichold

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+2Share on Reddit0

Michele D'Ippolito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*