0

7 regole di un marchio di successo

Il branding (processo di sviluppo di un marchio aziendale) viene comunemente definito come il “nome, termine, segno, simbolo o disegno o una combinazione di essi che abbia lo scopo di identificare i prodotti e i servizi di un venditore o di un gruppo di venditori e per differenziarli da quelli degli altri venditori.” Per avere successo nel branding è necessario, però, comprendere i bisogni e i desideri dei clienti, ma anche le loro prospettive e bisogni futuri. Così, oggi, vi vorrei elencare le 7 regole che possono portare un marchio al successo nel settore di appartenenza.

1. Il branding riguarda…le persone

Un buon marchio inizia sempre con la gente. Le persone hanno bisogno di motivazioni per comprare o utilizzare dei prodotti/servizi: come esseri umani tutti noi abbiamo bisogno di sentirci parte di un qualcosa di più grande! Così, anche i marchi hanno bisogno di forti principi guida che vadano dritti al cuore delle persone.

2. Il design non è tutto

Un buon design gioca sempre un ruolo fondamentale, ma il solo design non basta a rendere grande un marchio! Il design è come un ingrediente che deve essere “mescolato” con una combinazione di altri ingredienti, vale a dire l’umanità, l’intelligenza e le conoscenze tecniche. Il piacere di avere un logo bello e riconoscibile rappresenta sia una soddisfazione per l’azienda che per il consumatore che lo guarda. Per cui, il linguaggio visivo dovrebbe solo continuare questa “relazione” nel modo più coerente possibile.

3. Il branding è un processo a “due strade”

E’ più facile amare un marchio quando è il marchio stesso che vi ama! Il marketing tradizionale pensa ai consumatori come a delle “entità robotiche”. Ma quando la relazione fra consumatore e venditore diventa una strada a doppio senso, con diritti e doveri comuni, ci sarà sempre spazio per una maggiore crescita perchè si avrà un senso di considerazione e di attenzione alle proprie necessità.

4. Il branding è fa la differenza

I marchi, con la loro personalità ed unicità, rappresentano un valore aggiunto per le aziende perchè provocano interesse e hanno un enorme influenza economica e sociale.

5. Il branding è una questione di contesto

Il marchio crea contesto. Investendo nel marchio e nella creazione di un buon contesto, l’efficacia della vostra pubblicità, la campagna di comunicazione e la possibilità che raggiunga il cuore e la mente del consumatore saranno sostanzialmente migliorate.

6. Il branding è una questione di contenuti

I contenuti, come ad esempio il materiale promozionale, sono fondamentali per il successo di un progetto di branding. L’eccellenza dei contenuti rappresentano la chiave per raccontare delle storie che assumano una vita propria attraverso il consumatore e che permettono a loro di partecipare attivamente alla storia dell’azienda fin dall’inizio.

7. Il branding è come un lungo tragitto

Il branding non segue un percorso ben definito: i marchi hanno bisogno di “camminare” lungo le necessità dei consumatori per trovare la loro giusta destinazione.

Condividi suShare on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Share on Reddit0

Michele D'Ippolito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*